NASCE L’INSEGNANTE IMPRENDITORE GRAZIE AL WEB 2.0

NASCE L’INSEGNANTE IMPRENDITORE (E FA MILIONI)

GRAZIE AL WEB 2.0

di STEFANO GATTO Fonte

Internet 2.0 e istruzione sempre più uniti: è l’era dello scambio e degli “insegnanti-imprenditori”.

Chi avrebbe mai detto che la professione di insegnante potesse rendere milionari? Ebbene nell’era di internet 2.0 è possibile anche questo. Grazie alla piattaforma TeachersPayTeachers infatti, per moltissimi insegnanti di tutto il mondo, la propria professione è diventata assimilabile a quella di un imprenditore, tanto da arrivare a creare il neologismo di Techpreneur.

TeachersPayTeachers, il portale online dei contenuti per l’insegnamento

TeachersPayTeachers è un portale online basato sul concetto della sharing economy, ovvero mettere in condivisione le risorse. Sulla falsariga di altri affermati portali come Airbnb e BlaBlaCar, TpT permette a insegnanti ed educatori di vendere e scambiare lezioni, consigli, esercizi e metodi d’insegnamento. La piattaforma ideata nel 2006 da Paul Edelman, un insegnante della scuola pubblica dotato di intraprendenza e fiuto per gli affari, permette infatti di accedere a risorse per l’insegnamento innovative e originali prodotte da un bacino di utenti che annovera ad oggi circa 3 milioni e mezzo di insegnanti in tutto il mondo.

Insegnanti imprenditori, così si diventa milionari con internet 2.0

Diverse le storie di successo di chi, attraverso questo sistema è riuscito a mettere su un vero e proprio business in parallelo alla propria carriera scolastica: è il caso ad esempio di Erin Cobb, insegnante californiano alle medie che grazie ai propri materiali didattici caricati sul sito TeachersPayTeachers è riuscito a guadagnare oltre un milione di dollari. Altro interessante caso è quello di Laura Randazzo, un’insegnante d’inglese residente in California, che attraverso “Whose Cell Phone Is This? Fictional character work sheet”, un metodo con cui gli studenti utilizzano i propri smartphone al posto del quaderno, e una raccolta di grammatiche ed esercizi è riuscita a la cifra di 100mila dollari, trasformando «quello che era un hobby in un’attività remunerativa».

Un giro d’affari impressionante

Cifre importanti e il giro d’affari complessivo non è da meno: secondo Adam Freed(dirigente di Google e amministratore delegato di Teachers Synergy, fondazione promotrice del portale) dall’inizio delle attività il sito ha prodotto un volume d’affari della cifra di circa 175 milioni di dollari. TeachersPayTeachers rappresenta quindi oltre ad una concreta possibilità di un guadagno extra per tutti gli insegnanti e i lavoratori del mondo dell’istruzione dell’educazione, anche uno stimolo continuo e gratificante a migliorare i propri metodi di insegnamento sperimentando e innovando.

Annunci